Pubblicità

Cpia 2 Metropolitano di Bologna: attività creative per l'apprendimento della lingua italiana

Dimensione testo:

Presentazione di alcune attività del Cpia Metropolitano di Bologna svolte dagli studenti tra il 2014 e il 2017.
Brani musicali originali interpretati da Vivian (Nigeria) e Marita (Georgia).
Musica di apertura: Loni Itumo / Album Terra / Cosmosoul (per gentile concessione).

Permettiamo a Gabriele di andare in gita scolastica

Dimensione testo:

pulmino scuolabus

Riceviamo da Luca Faccio e volentieri pubblichiamo pregandovi di aderire alla petizione:


Gentilissimo ministro Delrio,

Le scrivo dopo aver appreso la notizia che in provincia di Cosenza un giovane studente disabile non ha potuto partecipare alla gita scolastica perché non riusciva a salire sull’autobus. Per questo motivo i compagni di classe, e anche quelli delle altre classi, hanno deciso tutti insieme di non partire per la gita, motivando che se uno di loro non riesce a salire sul bus, allora non ci sale nessuno. In altre occasioni le difficoltà erano state superate con grande impegno da parte di tutti ma questa volta i gradini erano proprio insormontabili.

Mi chiamo Luca Faccio e vengo da Bassano del Grappa. Sono nato nel 1973, prematuro, dopo soli sei mesi di gestazione, riportando una disabilità fisica permanente. La mia famiglia e tante persone care hanno sempre creduto in me e grazie a loro e alla mia forza di volontà nel 2005 mi sono laureato in Scienze dell’educazione. Ho sempre vissuto lottando per il superamento delle barriere architettoniche e morali per migliorare l’esistenza dei disabili, e dal 2005, attraverso il mio blog, mi dedico anima e corpo alle problematiche socio-politiche legate in particolare al mondo della disabilità, cercando di sensibilizzare le istituzioni locali e governative.

La preside della scuola, Filomena Lanzone, si è impegnata a trovare un autobus idoneo per il ragazzo, che si sposta con la sedia a rotelle, ma – come riferito dagli organi di stampa – in tutta la Provincia non esiste un mezzo attrezzato che possa compiere lunghe percorrenze.

Le chiedo pertanto di impegnarsi e di metterci la faccia per trovare un mezzo idoneo affinché Gabriele - 10 anni - possa finalmente fare la propria gita scolastica, con i suoi 35 compagni e tutti gli altri alunni dell’istituto comprensivo di Rovito.

Auspico che questa situazione si risolva per il meglio e quanto prima, e che lei come ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, prima di puntare su Grandi Opere e Grandi Eventi, si adoperi per garantire a tutti i cittadini disabili i servizi necessari per muoversi.
https://www.change.org/p/permettiamo-a-gabriele-di-andare-in-gita-scolastica

La Fondazione Rita Levi-Montalcini per l'istruzione e la formazione delle bambine africane

Dimensione testo:

Fondazione Rita Levi Montalcini OnlusSiamo entrati in contatto con la Fondazione Rita Levi Montalcini Onlus, promotrice di molti interessanti programmi di solidarietà. Volentieri pubblichiamo questo comunicato stampa sulle loro attività.

La Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus è attiva dal 2001 per favorire e promuovere l'istruzione e la formazione professionale nel continente africano.
In Africa il 70% della popolazione è ancora analfabeta e molti bambini non hanno accesso all'istruzione, inoltre Il problema della scolarizzazione, in questi paesi è ben lontano dall'essere risolto: in uno scenario in cui la sopravvivenza è la prima preoccupazione e in cui spesso si verificano situazioni di forte instabilità geopolitica sono ben poche le risorse che vengono destinate alla formazione scolastica della popolazione.
Tuttavia l'alfabetizzazione e l'istruzione sono le uniche vie percorribili per migliorare la qualità della vita delle popolazioni.

Per le bambine la strada verso la scolarizzazione è ancora più difficile, spesso a causa di stereotipi di genere fortemente radicati all'interno delle tradizioni locali.

Fondazione Rita Levi Montalcini OnlusProprio a partire da queste problematica è improntata l'azione della Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus, la quale finanzia progetti di beneficenza in Africa per garantire l'accesso all'istruzione primaria, la specializzazione e la formazione professionale a bambine, ragazze e donne.
Solo in questo modo si potranno infatti gettare le basi per un miglioramento della condizione femminile all'interno del paese, ma anche per lo sviluppo dell'intera società, introducendo figure professionali in grado di offrire servizi, competenze e mercato.

Ma in che modo opera la Fondazione? Come si porta avanti un progetto umanitario? La Onlus si muove sui diversi stati africani attraverso diversi progetti che mirano alla possibilità di un miglioramento personale delle persone coinvolte che possa poi tradursi effettivamente in un'opportunità di crescita per l'intero tessuto sociale.

In Etiopia, ad esempio, sono state messe a disposizione 600 borse di studio per garantire l'istruzione soprattutto nei settori sociali ed educativi includendo anche il supporto a bambine disabili.
Il programma ha come scopo di sensibilizzare le famiglie e la comunità intere sull’importanza dell’educazione per le bambine e, in particolare, per le bambine disabili dal momento che che le famiglie tendono a nasconderle, se non addirittura a segregarle, in quanto tale condizione è spesso ancora vissuta sotto l'egida della superstizione.
Il progetto mette a disposizione di 600 bambine e giovani donne una formazione primari e secondaria, ma anche corsi di formazioni professionali per le bambine disabili i quali forniranno le competenze per gestire un microcredito o una piccola attività individuale.

Per conoscere tutti i progetti della fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus potete visitare il sito internet http://www.ritalevimontalcini.org/ dal quale è possibile inoltre donare online una somma a sostegno di uno specifico progetto di beneficenza.

Decreto Art Bonus e incentivi per l'abbattimento delle barriere architettoniche

Dimensione testo:

Riceviamo dal nostro amico Salvatore Giannella:
“Vi segnalo che su Sette, il magazine del Corriere della Sera, in  edicola da oggi 12 settembre, a pag. 69 troverete una buona notizia: per incentivare promozioni e interventi architettonici una legge dello Stato, la n. 106 del 2014, prevede crediti di imposta del 30% fino a 200 mila euro.
Si fa più concreto il sogno di Dario e Franca di una riviera senza barriere: vedi
http://giannellachannel.info/?s=franca+rame
Buona giornata ”

Il decreto 106 del luglio 2014, noto anche come “Decreto Art Bonus”, contiene nuove misure in materia di tutela del patrimonio culturale, sviluppo della cultura e rilancio del turismo, in particolare del turismo accessibile ai portatori di handicap. Il provvedimento finanzia fino al 30% la digitalizzazione e la promozione del turismo accessibile, la formazione del personale e degli imprenditori sull’ospitalità accessibile, oltre all’eliminazione delle barriere architettoniche, fino a un tetto massimo di 200mila euro.


Vacanzabili, turismo accessibile

Dimensione testo:

Vacanzabili.com

Ci scrive Paolo Petrosillo, coordinatore del sito www.vacanzabili.com, un servizio di turismo accessibile fornito dalla Coop. Eureka.
Pubblichiamo un pezzettino della sua mail: “Offriamo vacanze tutto l'anno, che per persone con disabilità  significa un valore in più rispetto a un usuale concetto di vacanza, in quanto momento di alleggerimento sia per la famiglia che per la persona 
con disabilità, che può staccarsi in diversi periodi dell'anno dal difficile rapporto di dipendenza famigliare. Inoltre Vacanzabili offre il servizio vacanze su misura: un gruppo di persone o un singolo può decidere dove andare e di che tipo di esigenze necessita e noi gliele forniamo. 
Vacanzabili offre un servizio innovativo: un forum in cui si possono costituire dei gruppi di persone per trascorrere insieme un week-end o semplicemente andare a un concerto. 

Qui c'è tutta la programmazione estiva.

Una lingua senza voce

Dimensione testo:

Io segno la Lis. Ma lo Stato italiano non riconosce la mia lingua. #iosegno

Su Change.org i ragazzi di Radio Kaos ItaLis hanno lanciato una petizione per chiedere al Parlamento italiano un riconoscimento ufficiale della LIS, la Lingua Italiana dei Segni. Servirebbe a promuoverne l'uso e la conoscenza, garantirebbe la libertà di un sordo di scegliere come comunicare e integrarsi, garantirebbe accesso all'informazione, alla comunicazione, alla cultura e all’educazione.
Clicca qui per firmare
PS: La lingua dei segni è ufficialmente riconosciuta in 44 paesi del mondo. Tra cui l'Iran.

Altri articoli...

  1. Kangaroo Cup
  2. Aperta a Padova la gelateria Fly Down
  3. L'arte sbarrierata
  4. Run for Parkinson's 2014
  5. Adriatico Handisport 2000
  6. Il vicesindaco di Milano in giro in carrozzella
  7. Lo Hobbit di J.R.R. Tolkien tradotto in linguaggio dei simboli
  8. Disegno di Legge sull’assistenza sessuale ai disabili
  9. Debby Elnatan, la mamma che fa camminare i bambini disabili
  10. Skarrozzata contro le barriere architettoniche
  11. Caro Renzi, blocchi l’inutile spesa del Veneto per i disabili
  12. Il Premio Ronzinante - Associazione C.R.E.A.
  13. Hai una associazione sportiva che offre corsi anche a ragazzi con disabilità?
  14. Donne al Lavoro
  15. Nuove Iniziative d'Impresa in Puglia
  16. Monologo di Luciana Littizzetto sulla bellezza, Sanremo 2014
  17. Diritti ed assistenza ai lavoratori autonomi che si ammalano
  18. Cooperiamo per il futuro
  19. Mettici una firma!
  20. La Carta di Lampedusa
  21. 1.000 piazze contro l'azzardo
  22. Dipinti in 3D per i non vedenti
  23. Alberto Gatti e il software per i centri diurni per ragazzi disabili
  24. Gli Scooppiati, una band musicale... diversamente band!
  25. Nasce Jeremy, insegnare l'inglese ai bambini disabili e non: la loro reciproca integrazione l'obiettivo della neonata associazione
  26. Il caffè è più buono se il bar è senza slot!
  27. Premiate le buone prassi e le azioni innovative per l’integrazione di soggetti svantaggiati con il Logo Azienda Solidale
  28. Norberto De Angelis
  29. Petizioni: rendiamo accessibili Cinema e Teatro alle persone con disabilità sensoriale!
  30. Clochard alla Riscossa
  31. Sue Austin
  32. Sottotitoli per i non udenti sui canali Rai digitali
  33. Il bambino e il labrador
  34. La Trattoria de Gli Amici, Roma
  35. Gentilissima Presidente Boldrini: aspettiamo fatti concreti per i disabili
  36. Un programma tv condotto da una persona con la Sindrome di Down
  37. Il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili aderisce allo Sciopero delle Donne
  38. Luca Faccio: Papa Francesco, ci insegni a parlare di disabilità
  39. Laura e Franco: la vera AUTONOMIA, il nostro sogno
  40. Aiutiamo il Tappeto di Iqbal
  41. Gary Pickering, l'ex senzatetto che regala alloggi portatili
  42. In Spagna la prima consigliera comunale con la Sindrome di Down.
  43. Anonimo benefattore dona 100 mila euro per completare Villa Amico di Loano
  44. La psicoterapia via skype per persone disabili o con problemi a spostarsi
  45. Lavoro disabili: congedo straordinario anche per i parenti di terzo grado
  46. La “Locanda alla mano”
  47. Dyslexie: il font anti-dislessia
  48. Nasce un tablet studiato per i bambini dislessici
  49. Un ragazzo di 12 anni in un'officina di Napoli

Le notizie di People For Planet

Alcatraz Channel

Tutti i video della Libera Università di Alcatraz

5x1000 al Comitato

Dona il tuo 5x1000 al Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus e ci aiuterai a finanziare le nostre attività.
Qui tutte le istruzioni. Grazie!!!

Fai una donazione!

ATTENZIONE: SE FAI UNA DONAZIONE DI ALMENO 500 EURO TI REGALIAMO 5 STAMPE D'ARTE DI DARIO FO. UNA SARA' FIRMATA IN ORIGINALE DALL'AUTORE!!!

PAYPAL/CARTA DI CREDITO:

BONIFICO BANCARIO intestato a Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili Onlus
BANCA POPOLARE ETICA Iban IT15L0501803000000000137020
Codice Bic CCRTIT2T84A

VAGLIA POSTALE: Beneficiario Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili
Indirizzo Località Santa Cristina, 53 - 06024 Gubbio (Perugia)

Networketico.it

Networketico.it
Iscriviti a Networketico.it, il database delle associazioni di solidarietà e del volontariato in Italia

Tutto il teatro di Dario Fo e Franca Rame in dvd

Associazioni con cui collaboriamo

Il Tappeto di Iqbal, Napoli, quartiere Barra

Napoli, quartiere Barra

Associazione Fuori dall'ombra Perugia

Ass. Fuori dall'ombra Perugia

Libera Università di Alcatraz

Libera Università di Alcatraz